Archivi tag: Jyoti Singh

Radio Bullets, #donnenelmondo del 24 dicembre 2015

india-rape-protest

India, il rilascio del più giovani degli stupratori di Jyoti. In Zambia uno stupratore ambasciatore per la lotta alla violenza di genere. Violenza contro le donne musulmane in tempi di terrorismo. Egitto, donne in piazza imbavagliate. El Salvador, le vittime invisibili sono le donne.

Ascolta la puntata.

India: il più giovane dei sei uomini condannati per lo stupro di gruppo di Nirbhaya del 2012 è stato liberato nei giorni scorsi, dopo che un tribunale ha rigettato l’estensione di tre anni della sua condanna. Sei persone, tra cui un minorenne, avevano aggredito e violentato la ventitreenne Jyoti Singh su un autobus in corsa a sud di Delhi. Nirbhaya, trasportata in un ospedale di Singapore, è morta 13 giorni dopo, il 29 dicembre 2012. In India, secondo la polizia, viene segnalato uno stupro ogni 20 minuti, e la sentenza ha scatenato il dibattito sulla violenza contro le donne e sulle pene per i colpevoli, in questo caso un giovane. “Il giovane criminale è stato consegnata a una ONG per il momento”, spiega a Reuters Ashok Verma, uno degli avvocati che lo rappresentano. La Commissione di Delhi per le donne ha presentato immediatamente un appello contro il rilascio alla corte superiore indiana.

Zambia. Su BuzzFeed, Jina Moore, corrispondente che si occupa di diritti delle donne, riporta il caso di Clifford Dimba, musicista noto come General Kanene, condannato a 15 anni di carcere per aver violentato una minorenne e poi non solo graziato dal presidente dello Zambia Edgar Lungu ma anche nominato ambasciatore nella lotta contro la violenza di genere. Apparentemente grazie ad una canzone scritta dal musicista in cui loda la presidenza e il partito. Secondo il Lusaka Times, Dimba aveva scontato un solo anno della sua condanna. Appena quattro giorni dopo la grazia e il rilascio, a luglio, Dimba avrebbe picchiato una delle sue mogli perché non voleva fare sesso. La polizia si è rifiutata di arrestarlo. Qualche mese dopo avrebbe picchiato anche un’altra donna, giustificando il pestaggio chiamandola “prostituta”. Questa volta sarebbe stato arrestato, seppure a diversi giorni di distanza dall’accaduto. Il caso è arrivato all’attenzione delle Nazioni Unite in questi giorni. “Questo scandaloso rilascio e la nomina ad ambasciatore per la lotta contro la violenza di genere non solo traumatizzano ancora una volta le vittime ma scoraggiano le altre vittime a denunciare reati simili”, dice Dubravka Šimonović, relatrice speciale delle Nazioni Unite per la violenza contro le donne. “Questo dimostra chiaramente che l’impunità per questi reati genera ancora più violenza”, aggiunge Maud de Boer-Buquicchio, giurista e relatrice speciale per le Nazioni Unite sulla vendita di bambini, la prostituzione e la pornografia infantili. Le due funzionarie hanno chiesto a Lungu a ritirare la nomina di Dimba ad ambasciatore e “garantire che non vi siano ulteriori indulti” per i condannati per violenza sessuale.

Violenza contro le donne musulmane: ne scrive Omise’eke Natasha Tinsley, professoressa associata di Studi Africani e della Diaspora africana presso l’Università del Texas a Austin e socia Public Voices per il Progetto OpEd. “Le donne di colore, le donne musulmane e tutte le donne hanno bisogno di capire che abbiamo una causa comune”, si legge sul Time. Una questione, spiega, che non viene analizzata abbastanza spesso: la violenza islamofobica contro le donne è una questione di femminismo nero. “Poche ore dopo gli attacchi di Parigi del 13 novembre scorso, in Europa e in Nord America si è scatenata la violenza islamofobica. Ma, al contrario della persecuzione degli uomini musulmani dopo l’11 settembre, ora la violenza sembra colpire soprattutto le donne”. Alcuni casi: a Londra, Yoshiyuki Shinohara, 81 anni, ha spinto – senza riuscire ad ucciderla – una donna musulmana che indossava l’hijab contro a un treno della metropolitana in arrivo. A New York, in una scuola media, una ragazza è stata aggredita da dei ragazzi che hanno provato a toglierle il velo chiamandola Isis mentre la picchiavano. A Toronto, una madre musulmana è stato picchiata e derubata dopo aver lasciato i figli a scuola, e nella stessa settimana due donne sono state aggredite in metropolitana da alcuni uomini che le chiamavano terroriste”. La violenza contro le donne musulmane, si legge ancora sul Time, si è acuita nuovamente dopo il massacro di San Bernardino, in California, in seguito alle immagini ampiamente diffuse di una delle persone che hanno sparato, Tashfeen Malik, con addosso l’hijab. Le donne di colore sono tra le musulmane prese di mira dalla violenza islamofobica. Lo testimonia il caso dell’artista Kameelah Rashid, una musulmana afro-americana in hijab costretta a scendere da un volo per Istanbul e interrogata per ore dall’FBI. “Non penso che ci sia una recrudescenza dell’islamofobia dopo gli attacchi di Parigi”, ha detto Rashid. “Penso che in realtà non sia mai scomparsa. Solo, sta diventando sempre più legittimata”. Più di 250mila donne musulmane nere vivono negli Stati Uniti, e nel mondo la popolazione musulmana femminile di colore è composta da decine di milioni di persone. La sola Nigeria conta 60 milioni di donne musulmane e la Guinea, il Niger e la Repubblica Democratica del Congo sono tra le nazioni africane sub-sahariane a maggioranza di popolazione musulmana. A dire il vero, scrive ancora la professoressa, molte musulmane nere non indossano l’hijab. Ma come Rashid, qualsiasi donna nera identificabile come musulmana ora è soggetta a manifestazioni di violenza. Questa violenza islamofobica contro le donne è parte di un clima sociale in cui la violenza contro donne e ragazze nere sembra sempre più essere tollerata”.

Egitto. Questa settimana al Cairo le donne sono scese in piazza con le bocche imbavagliate e tagli e lividi dipinti sui volti, per manifestare contro quella che definiscono “epidemia” di violenza di genere nel Paese. “Le donne subiscono ogni forma di violenza”, spiega una delle manifestanti a Euronews. “I mariti le picchiano per aver risposto male o per i loro comportamenti”. In Egitto ci sono diversi tipi di violenza, spiega un’altra donna, “la peggiore è quella di costringere le donne ad avere figli fino alla nascita di un maschio. Questo tipo di violenza, chiamata riproduzione obbligatoria, porta alla morte di un gran numero di donne”. Secondo le Nazioni Unite, il 35% delle donne e ragazze di tutto il mondo vive l’esperienza di una qualche forma di violenza fisica o sessuale nel corso della vita. Questi numeri, che ripetiamo spesso qui su Radio Bullets, sono in aumento in tutto il Medio Oriente e in Nord Africa, con l’escalation dei conflitti armati dopo la primavera araba. Sempre secondo i dati delle Nazioni Unite, il 99% delle donne egiziane è stata oggetto di violenza o molestie sessuali lo scorso anno, mentre circa 20.000 donne sono state violentate.

El Salvador è uno dei paesi più pericolosi al mondo. Ma gran parte del dibattito pubblico si concentra sulla violenza delle gang, ignorando gli elevati tassi di femminicidi e di donne abusate dai partner nel Paese. Migliaia di donne in El Salvador subiscono violenza fisica ed emotiva ogni anno per mano di mariti, familiari o amici, si legge su Broadly. El Salvador è il paese più pericoloso al mondo al di fuori di una zona di guerra: gli ultimi mesi hanno registrato ben 40 omicidi al giorno, con l’intensificarsi della violenza delle bande e il crimine organizzato. In un paese dove la violenza è così visibile, quella contro le donne rimane the elefante in the room, ovvero l’evidenza ovvia e appariscente che però tutti continuano a ignorare. Il problema è di grande portata, ma viene trascurato nel dibattito pubblico. El Salvador avrebbe il più alto tasso di femminicidi al mondo. I casi sono aumentati, alimentati da una cultura di impunità e macchiamo. A El Salvador, le donne occupano meno del 30 per cento delle posizioni politiche, nonostante i recenti sforzi per aumentare la rappresentanza femminile. In tutto il mondo, le donne sono sottorappresentate nelle cariche politiche, nel mondo accademico e nel settore privato.

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook, su Twitter e Instagram, sul nostro sito www.radiobullets.com. Iscrivetevi alla nostra newsletter e se volete sostenere il nostro lavoro e Radio Bullets cliccate qui.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Radio

Radio Bullets, #donnenelmondo del 19 dicembre 2015

Rasha Hefzi

In Arabia Saudita le prime elezioni con donne candidate ed elette. Il milionario londinese assolto dall’accusa di stupro: “Sono caduto e l’ho penetrata”. Turchia, le aziende in campo per l’uguaglianza di genere. Liberia, la campagna degli artisti contro la violenza di genere. Il 2015 dei transgender negli Stati Uniti.

Ascolta la puntata.

Secondo il Time, le elezioni di sabato scorso in Arabia Saudita, elezioni in cui le donne per la prima volta hanno votato e sono state elette in posizioni politiche, potrebbero essere un passo in avanti di apertura in quello che è un Paese tradizionalmente repressivo per le donne. Gli elettori sauditi hanno eletto come rappresentanti locali 20 donne. Si è trattato delle prime elezioni nella storia del Paese in cui le donne hanno votato e si sono candidate. Le 20 elette rappresentano l’1% dei circa 2.100 consigli municipali coinvolti, ma quanto accaduto, scrive Aya Batrawy per l’Associated Press, rappresenta comunque un passo in avanti per le donne, fino ad ora completamente tagliate fuori dalle elezioni. E anche da molte altre attività: alle donne in Arabia Saudita non è permesso guidare e sono soggette a regole che danno agli uomini la parola finale su aspetti della loro vita come matrimonio, viaggi ed educazione superiore. Sebbene non ci fossero quote per le rappresentanti femminili nei consigli, sono stati disposti 1.050 seggi in più con l’approvazione del re, che potrebbe usare i suoi poteri per assicurare una maggiore rappresentanza femminile. Circa 7mila candidati, di cui 979 donne, hanno corso per ottenere un seggio nei consigli municipali, unici organi di governo eletti dai cittadini sauditi. Le due precedenti tornate elettorali del 2005 e del 2011 erano aperte solo agli uomini. La capitale conservatrice Riyadh ha visto il numero più alto di candidate vincitrici, quattro. Nella provincia orientale, dove si concentra la minoranza sciita, due sono state le donne elette. Anche la seconda città più grande e cosmopolìta dell’Arabia Saudita, Jeddah, ha visto l’elezione di due donne. E lo stesso è accaduto in una delle regioni più conservatrici, Qassim. Un’altra donna è stata eletta a Medina. Molte candidate hanno condotto la loro campagna elettorale su piattaforme che promettevano più asili nido e un numero più alto di ore di servizio, insieme alla creazione di centri giovanili per attività sportive e culturali, strade migliori, interventi per la raccolta dei rifiuti e città più verdi. La maggior parte ha portato avanti la campagna elettorale on line, usando i social media anche a causa delle rigide regole di segregazione di genere che vietano a uomini e donne di mescolarsi in pubblico: in sostanza i candidati non potevano rivolgersi direttamente e parlare al sesso opposto. Nel tentativo di creare una maggiore parità per le donne che indossano il tradizionale velo integrale, il Comitato generale per le Elezioni ha vietato a tutti i candidati, uomini e donne, di mostrare i loro volti sui cartelloni e on line o di apparire in TV. 106mila sono le donne che sono andate al voto sulle 130mila registrate. A prendere parte alle elezioni è stato in totale il 47% degli elettori registrati.

E torniamo su una notizia di cui abbiamo parlato la scorsa settimana. Secondo i giudici è davvero “caduto penetrando accidentalmente la ragazza”. Succede in Inghilterra: l’imputato era il milionario 46enne Ehsna Abdulaziz, accusato di aver stuprato una 18enne. Nell’udienza presso la Southwark Crown Court, il 46enne aveva dichiarato di non aver violentato nessuno ma di essere caduto e di aver “penetrato la ragazza per sbaglio”. A scriverne è ancora l’Huffington Post: “Dopo aver raccolto prove e dettagli la Southwark Crown Court, in soli 30 minuti, lo ha scagionato dalle accuse di stupro. La ricostruzione di quel che avvenne nell’agosto del 2014, quando il milionario era uscito per una serata e aveva incontrato una giovane donna e una sua amica di vecchia data in un nightclub londinese, è che l’uomo avesse sì fatto sesso, ma soltanto consensuale e con una delle due donne: la più grande di 24 anni. Dopo il rapporto – in una situazione di alterazione dovuta all’alcol – l’uomo si sarebbe preoccupato per la 18enne, che dormiva sul divano, andando da lei per vedere se aveva bisogno di “una coperta, un taxi o qualcosa”. A questo punto, è la tesi di Abdulaziz, la giovane gli avrebbe messo le mani dietro la nuca per avvicinarlo a lei e l’uomo sarebbe caduto e l’avrebbe accidentalmente penetrata. Lo sperma rinvenuto all’interno della vagina di lei sarebbe dunque dovuto al precedente rapporto. “Sono fragile…e sono caduto…ma non è successo nulla fra noi” assicura l’uomo. E la corte lo ha scagionato. La stampa inglese sottolinea però come, in maniera anomala, il giudice Martin Griffiths abbia acconsentito a una testimonianza privata da parte di Abdulaziz durata oltre 20 minuti.

Turchia. Le principali organizzazioni aziendali turche hanno messo nero su bianco in un libro quelli che sono i passi necessari da intraprendere sui luoghi di lavoro per combattere la violenza contro le donne. Il libro, si legge su HurriyetDailyNews, sottolinea come quello della violenza di genere sia ancora un problema dirimente sia in Turchia che all’estero. Cansen Başaran Symes, presidente dell’associazione turca Industria e Business, pone l’accento sulla questione dell’uguaglianza di genere e spiega che la violenza contro le donne è “una vera violazione dei diritti umani”, che danneggia l’accesso delle donne al mondo del lavoro, degli affari e della produttività. “Sempre più aziende devono aggiungere alle loro realtà il principio di ‘uguaglianza di genere sociale’. Chiedo a tutti i rappresentanti del mondo del business di unirsi a questo ideale. Dobbiamo creare un ambiente in cui le donne non siano esposte alla violenza”. Il “Libro per lo sviluppo e l’attuazione delle politiche sul posto di lavoro nella lotta alla violenza domestica contro le donne” è stato introdotto in un incontro a Istanbul organizzato dal Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione e dall’Università di Sabanci. “Tra i colletti bianchi circa il 75% delle donne – per lo più laureate – è stato esposto almeno una volta a violenza domestica. E circa il 40 per cento degli uomini ha commesso atti di violenza contro le loro partner”, si legge nel libro. I dati si basano sui risultati di un sondaggio condotto su 1.715 donne occupate in 20 differenti realtà, e mettono in luce l’impatto negativo della violenza contro le donne sulla sostenibilità economica. Il 16 per cento delle intervistate non è stato in grado di porre fine alla relazione con il partner violento per motivi economici.

India, Nuova Delhi: “Il nome di mia figlia era Jyoti Singh e non mi vergogno a dirlo pubblicamente”. Nel terzo anniversario dello stupro di gruppo di Nirbhaya, la madre della vittima ha rivelato il nome della figlia, dicendo che non c’era alcuna vergogna nel farlo. “Il nome di mia figlia è Jyoti Singh”, ha detto Asha Devi durante una manifestazione sottolineando che sono coloro che commettono crimini atroci come lo stupro a doversi vergognare, non le vittime o le loro famiglie. Gli attivisti, si legge su ZeeNews, spiegano che le donne continuano a subire violenza in ogni sfera della loro vita e che solo la certezza di giustizia porterebbe a un cambiamento, non la severità della stessa. Sei persone, tra cui un minorenne, avevano aggredito e violentato la ventitreenne su un autobus in corsa a sud di Delhi. Nirbhaya, trasportata in un ospedale di Singapore, è morta 13 giorni dopo, il 29 dicembre 2012. Secondo il padre, giustizia non è stata fatta.

In Liberia i protagonisti dell’industria musicale condannano la violenza contro donne e bambini, e qualsiasi atto che li disumanizzi. “I musicisti si sono resi conto che hanno un ruolo da svolgere nella società”, spiega il rapper Tan Tan B, “e sono impegnati a porre fine alla violenza contro le donne come hanno fatto per sconfiggere Ebola in Liberia. Conosciamo tutti l’importanza di una campagna per porre fine alla violenza contro donne e bambini. Potrebbe trattarsi di tua sorella o di tua mamma. Donne e bambine hanno dei diritti che devono essere protetti”. Nei prossimi mesi, il rapper e il suo gruppo realizzeranno nuove canzoni e video a supporto della campagna.

Il 2015 è stato un anno importante per le persone transgender negli Stati Uniti, scrive sul canale femminile di Vice, Broadly, Diana Tourjee. Con passi in avanti, produzioni Hollywood transcentriche e campagne per gli Oscar. Ma il 2015 è stato anche l’anno in cui 23 donne trans sono state uccise con estrema violenza. Nel 2014 i casi riportati erano stati 12. E questi numeri non descrivono con ogni probabilità la reale crisi in atto. “Sappiamo che i casi sono di gran lunga superiori”, dice Harper Jean Tobin del Centro Nazionale per la Transgender Equality. “Anche l’FBI dice che sono così incoerenti da essere privi di significato”. 13 su 23 donne transgender uccise quest’anno avevano meno di 25 anni. Da uno studio pubblicato questo mese sulle donne transgender sex workers emerge che le donne trans di colore hanno il 44% di probabilità in più di lavorare nel mercato del sesso, quelle di origine latina il 33%.

Lascia un commento

Archiviato in Radio