C’è un mondo che lotta (ma lotta sempre meno)

C’è un mondo che lotta, ma lotta sempre meno. Progetti, idee, volontà di potenza, ma. Ma non va. Mai nulla di nuovo che riesca ad esplodere. Di chi è la colpa? E analizzare la colpa serve? L’unica domanda alla quale dare risposta è come uscirne. Uscirne è possibile solo agendo. Ma la formazione, conformazione, storia di chi agisce è marcia alla radice, e riscattarsi chissà se potrà. Le azioni messe in campo sono sbagliate. Non parlano, non raccontano. Non migliorano, ma purtroppo possono contribuire ad affossare quando hanno un effetto. Quando non lo hanno sono inutili, non spostano una virgola. Non sono.

Forse chi oggi corre felice e gioca, chi oggi non ha pensieri al di là dei colori, dei giochi, dell’intelligenza che cresce, potrà. E forse chi deve ancora nascere. A chi da adulto li accompagna resta la schiacciante, meravigliosa responsabilità di essere, finalmente, e far essere. Attraverso l’amore.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in iBlog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...